NIENTE TITOLI MA BUONE PRESTAZIONI A CASTELFIORENTINO

Località inedita Castelfiorentino per una gara di cross ma, nonostante le lacune iniziali dovute all’inesperienza organizzativa, si è assistito ad una bella edizione del Campionato Toscano a Staffetta di cross. Di questi tempi tornare a casa senza almeno un titolo può fare impressione ma le varie squadre, falcidiate dall’influenza che ha colpito duro in settimana, hanno però lottato con la consueta grinta rimanendo tutte nelle posizioni di vertice.

Gli organizzatori, per assicurarsi un buon pubblico hanno inserito anche le categorie degli esordienti e a dire il vero qui c’è stata una vittoria con Giulio Del Moro che si è imposto alla grande nella categoria E10 con i tecnici che si augurano che gli duri almeno per i prossimi 15 anni la “garra” e l’entusiasmo dei suoi attuali dieci anni. Con lui bravi anche Fabio Savi (12°) e Martino Mariani (34°) su 75 partenti. Nell’analoga gara femminile, con 57 partenti, 21^ Emma Bortolotti e 38^ Marta Melani venute fondamentalmente perché si pensava ad una staffetta mista poi annullata.
Ben tre le squadre della categoria ragazze messe in campo dal duo Lischi – Pulidori con la squadra A composta da Sofia Del Moro, sorellina maggiore di Giulio, Anna Bertoneri e Gaia Bisordi che si è rivelata la migliore pur non avendo esperienza di cross (salvo la Del Moro) con il suo quinto posto su 46 compagini. Soddisfacenti anche la squadra B composta da Viola Gennai, Letizia Troffa e Emma Pieri (diciassettesima) e la C con Giulia Terreni, Valentina Adamo e Giulia Del Papa (venticinquesima).
Quarantatre le squadre partite nella categoria ragazzi con i nostri che all’ultimo momento hanno dovuto sostituire Storai, ammalatosi, con Giovanni Tascini componente della squadra B che, essendo rimasta zoppa, ha lasciato a casa, con tanto dispiacere, Baiocchi e Manteri impossibilitati i tecnici a trovare un sostituto all’ultimo momento. Buono il piazzamento dei giovani che completavano la squadra con Daniele Santucci e Matteo Samaritani giunti settimi.
Il miglior risultato delle formazioni giovanili è giunto dalla 3×1000 cadette di Paolo Angioni con il quarto posto delle cadette Giulia Rossi, Sara Quercioli e Agnese Panciatici con tecnico e ragazze che, in base alle gare individuali di Lucca non si aspettavano l’exploit delle pratesi e avevano messo nel mirino una medaglia di bronzo. Ventisette le formazioni con la nostra squadra B che ha tagliato il traguardo in 15esima piazza (su 27 partite) e composta da Silvia Battiato, Giorgia Guccinelli e la ripescata della vigilia Teresa Mariani che ha preso il posto dell’indisponibile Ginevra. Quest’ultima, risolti i suoi problemi, si è presentata sul campo ma ha dovuto rimanere a guardare essendo stata già sostituita.
La compagine cadetti di Saverio Marconi doveva essere la grande protagonista ma anche qui il diavolo ci ha messo la coda allettando Nicola Baiocchi, vincitore della gara di Lucca, e i suoi compagni si sono battuti con rabbia e grinta ma il risultato finale del trio Antonio Del Vecchio, Gabriele Ceccarini e Gabriele Altini è stato solo il settimo posto anche se vicinissimo al trio di testa. Su 34 squadre partite, ventiquattresimo il piazzamento finale del trio della formazione B composta da Leonardo Saladino, Flavio Sorbo e Davide Garzelli.
Con il malessere che ha colpito nella notte della vigilia Giulia Mastroeni la squadra femminile assoluta, pur avendo possibili sostitute, è saltata completamente essendo impensabile trovare qualcuna disponibile a partire la domenica a poche ore dalla competizione. Ci rimanevano le tre squadre assolute maschili e qui si è finalmente saliti sui posti del podio che contano. Il quartetto della 4×2 km. composto da Rajan Kumar Del Vecchio, Diego Vernaccini, Dario Guidi e Gabriele Spadoni non è mai andato oltre i quinto posto e a partire dalla frazione di Guidi ha visto la possibilità di una bella prestazione.

E’ arrivato un bel terzo posto dietro Firenze Marathon e Toscana Atletica Futura che nobilita la giornata bianco verde. La squadra B, composta da Andrea Neri, Federico Meini, Mattia Barlantini e Curzio Pulidori, con quest’ultimo che, terminato il suo lavoro con i giovani si è svestito della tuta di tecnico e ha messo pantaloncini, maglietta e scarpe chiodate per portare la sua compagine all’undicesimo posto. Poco dietro la squadra C, dodicesima, con Luca Solfato, Nicola Ruffini, Fabio Mignani e Giacomo Balestri con quest’ultimo che si era dato disponibile a sostituire Augusto Casella ennesimo malato della vigilia.
B.G.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
Condividi su whatsapp