TANTI NUOVI PERSONALI A GROSSETO

La seconda fase del CDS a Grosseto per il settore maschile dell’Atletica Livorno era ininfluente sulla classifica avendo già raggiunto la certa qualificazione dopo le gare di Arezzo, ma gareggiare senza l’assillo del risultato a volte si ottengono prestazioni di buon rilievo. E’ stato il caso dei velocisti che sullo […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

La seconda fase del CDS a Grosseto per il settore maschile dell’Atletica Livorno era ininfluente sulla classifica avendo già raggiunto la certa qualificazione dopo le gare di Arezzo, ma gareggiare senza l’assillo del risultato a volte si ottengono prestazioni di buon rilievo. E’ stato il caso dei velocisti che sullo scorrevole manto maremmano. In particolare il neo allievo Tommaso Boninti che ha portato a casa due interessanti prestazioni per un sedicenne: 11”07 sui 100 e 22”28 sui 200 che mettono in risalto la condizione crescente dell’allievo curato dalla coppia Bacci – Pucini. Molto bene anche il velocista – saltatore Daniele Colombo che il sabato toglie 61 centesimi al suo PB dei 100 portato a 11”45 e la domenica aggiunge 13 cm. nel salto in lungo atterrando a m. 6,42. Grande anche il progresso del viareggino di Benvenuti Tommaso Savoca Corona sceso a 11”56 dal suo precedente primato di 12”06 nonostante le enormi difficoltà di allenamento peregrinando tra i campi della Versilia. Meno brillanti il giorno dopo Matteo Ciulli (22”84) e Andrea Bacci (23”39) mentre si è messo alla prova esordendo Nicolas Ugati (25”18).
Nei 400 ha fatto un test in funzione degli italiani sugli 800 della prossima settimana Mauro Giuliano che sembrava soddisfatto del suo 51”80 mentre sondava la specialità anche l’altro atleta di Benvenuti Gabriel Carli che terminava in 54”80.
Il mezzofondo veloce non regala troppe gioie ai bianco verdi. Prestazioni incolori per la maggior parte: sugli 800 Diego Vernaccini 2’00”31, Giorgio Gori 2’02”44, Simone Esposito 2’05”20, Leonardo Becucci 2’07”98 mentre i soli a gioire erano Luca Solfato che con il suo 2’07”98 e Giacomo Balestri con 2’10”87 sembrano aver superato i problemi fisici dell’ultimo mese. Anche peggio nei 1500 con un deluso Alessio Ristori (4’04”47), un irriconoscibile Gabriele Spadoni (4’15”22), e poi Dario Guidi (4’15”47), Diego Vernaccini (4’23”74), Giorgio Gori (4’26”39 ma con un evidente errore di cronometraggio) mentre Simone Esposito si ferma. Fanno festa solo Mattia Barlantini che toglie 4” al suo PB con 4’30”86 e l’esordiente sulla distanza Giacomo Balestri (4’39”18).
Impostazione suicida nella gara dei 3000 siepi per Augusto Casella che esordiva sulla distanza dopo un assaggio un mesetto fa sulla distanza più corta. Per lui è stata una sofferenza a partire dal secondo km. ma è riuscito lo stesso a portare a termine la gara in 10’41”18. Ghigo Michelotti, che da atleta è stato un buon siepista, dovrà ben spiegargli il ritmo da tenere.
Buona gara globale degli ostacolisti con Michele Del Corona che eguaglia con 15”49 quanto era riuscito a fare ad Arezzo e gli allievi, impegnati in gare extra CDS, hanno fatto il nuovo personale con Nicolas Ugati (15”71 nella distanza corta) e con Alessandro Signori (1’00”45 in quella lunga). Si è rivisto anche Federico Garofoli con le gambe ancora ammollate dall’influenza primaverile e che termina i 110 in 15”94 e i 400 hs in 59”65.
Quasi incredibile progresso del saltatore in alto più piccolo della nostra storia. Stefano Borea, allenandosi con Andrea Lemmi, ha acquisito una consapevolezza dei suoi mezzi e con una pedana non più bagnata come era successo ad Arezzo ha portato il suo personale a 2,02 che è un differenziale notevolissimo. Nel triplo gara normale per il giovane Riccardo Ciucci (12,46) mentre il suo compagno di allenamenti Federico Biondi aggiunge, con 11,59, 20 cm. al suo PB progredendo nel suo lento ma continuo progresso.
Senza strafare, anzi in qualche caso uscendo preoccupati dalla pedana, i lanciatori. Vincono il disco Alessio Mannucci (53,84), il martello Dario Ceccarini (53,33), sale sul podio come secondo Denis Martiniano nel giavellotto (52,35) e come terzo nel peso Diego Paolini (12,21), lo sfiora con la quarta posizione nel disco Ivan Senegaglia (37,89).
Sono 12 le squadre toscane che riescono a completare la classifica e anche qui si vedono le difficoltà nella quale si dibatte una società guida nel recente passato come l’Assi Giglio Rosso e quella dell’emergente Atletica Prato che da anni ha un campo nuovissimo a 8 corsie e sul quale non riusciamo mai a gareggiare:
B.G.
Classifica per società:
15940 Atletica Firenze Marathon
15136 Atl. Virtus CR Lucca
14319 Atletica Livorno
13603 Toscana Atletica Futura
12552 Cus Pisa
12286 Centro Atletica Piombino
12154 Pistoiatletica 1983
12123 Uisp Atletica Siena
11714 Atl. Libertas Runners Livorno
11672 Atletica Grosseto Banca Tema
11472 La Galla Pontedera Atletica

Articoli correlati