RAGAZZE SECONDE IN TOSCANA

Ce l’hanno messa tutta le nostre brave ragazze nel cercare di conquistare la vittoria nella finale del Campionato di Società 2018 a Campi Bisenzio. Si presentavano, dopo la Coppa Toscana, come terza forza regionale e sono riuscite a superare l’Assi Giglio Rosso, ma non la Firenze Marathon che, un anno […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Ce l’hanno messa tutta le nostre brave ragazze nel cercare di conquistare la vittoria nella finale del Campionato di Società 2018 a Campi Bisenzio. Si

presentavano, dopo la Coppa Toscana, come terza forza regionale e sono riuscite a superare l’Assi Giglio Rosso, ma non la Firenze Marathon che, un anno dopo, si prende una rivincita e succede alle bianco verdi sul trono toscano. Le rovinose cadute sull’ultimo ostacolo, mentre era in testa, della Bardarè e l’altra caduta con successivo ritiro della Milani nei 1000 avrebbero reso più equilibrato il duello ma la vittoria delle rosso blu fiorentine non sarebbe stata messa in dubbio.
Ottimo l’avvio della manifestazione con i 60 ostacoli che vedevano tra le protagoniste la dinamica Eleonora Parlanti, terza con 9”8, ma che valevano 35 punti perché le due che l’avevano preceduta gareggiavano a titolo individuale; settima Giulia Quochi con 10”3 che gareggiava contemporaneamente nella lontana pedana del salto in lungo e poi la sfortunata Aurora Bardarè, 36esima con 13”8 che a causa della caduta lasciava sulla pista almeno 20 punti.

In questo momento il settore velocità non ha protagoniste di vertice ma la piccola Anna Maggiani riesce a correre i 60 in 8”7, decima in classifica ma quinta per il CDS. La squadra era completata da Giorgia Liguori 29esima in 9”3 e Sara Dini 32esima con 9”4.
In contemporanea si disputava il salto in alto che vedeva la prima vittoria delle atlete condotte dal trio Lischi – Pulidori – Foresi con Margherita Milani che saliva con la tranquillità che la contraddistingue al personale di m. 1,40. Ottima anche qui Eleonora Parlanti, ottava con 1,34 e un progresso di 6 cm del personale, ed il trio era completato dalla bionda Annalisa Romanelli, 15esima con m. 1,25.

Nel lungo si metteva in grande evidenza Giulia Quochi, che nell’occasione cancellava la brutta prova di una settimana prima sulla stessa pedana arrivando seconda con m. 4,29 ad un cm. dalla vittoria ma con i 35 punti che valgono per il CDS. Eccellente anche Sara Quercioli, sesta con 4,20 (PB di 11 cm) e apprezzabile il 16esimo posto di Emma Canessa con un miglior salto di m. 3,93.
Nel getto del peso, che metteva in campo atlete tutt’altro che specializzate, si metteva in evidenza Elisa Perullo, 11esima con 8,33 che allunga di 26 cm il suo precedente personale, Alessia Salvadori 15esima con 8,04 e 40 cm. di miglioramento e Gemma Sanchini, 23esima con 7,41.
Quest’ultima era reduce dall’aver difeso i colori bianco verdi nella gara dei 2 km. di marcia dove si era classificata 15esima con 12’33”5 (PP) rimontata sul traguardo, 14esima, da un’arrembante Lucrezia Elisabetta Gambarini (12’31”3 il suo tempo e nuovo primato di 33 secondi). La squadra era completata dall’esordiente nella distanza Sara Annibale, onesta nel suo 22esimo posto con 14’06”8.

Nei 1000, fuori causa la Milani dopo pochi metri, l’onore delle armi sarà per Agnese Panciatici, quinta sul traguardo con 3’19”9, ma seconda per la classifica del CDS e un progresso cronometrico di 7 secondi. Brava anche Silvia Battiato con il suo 16esimo piazzamento con 3’42”8.

Prima delle staffette che avrebbero concluso la manifestazione si esibivano le tiratrici del vortex e anche qui non c’erano strutture da lanci tanto che la migliore è stata la lunghista Sara Quercioli, 16esima con 31,80, un posto avanti all’altra lunghista Emma Canessa, 30,86 la sua misura (PP), più dietro, 28esima, Elisa Perullo ancorata a misure ampiamente migliorabili come il suo 21,63.
Nel CDS tutte le squadre utilizzano le migliori del momento nelle due gare individuali e la staffetta è sempre formata da seconde linee, ma nel nostro caso queste sono paragonabili e molto vicine alle titolari. Ne esce quindi una bella vittoria con il quartetto Aurora Bardarè, Anna Maggiani, Giorgia Liguori e Alessia Salvadori che, nonostante tre cambi interminabili, fanno stampare al crono 58”3. Decima la seconda squadra composta da Sara Dini, Eva Armocida, Annalisa Romanelli e Aurora Sarti capace di correre in 1’01”8.

B.G.

Classifica finale del CDS Toscano Ragazze

  • Atletica Firenze Marathon p. 612
  • Atletica Livorno p. 570,5
  • Assi Giglio Rosso p. 534,5
  • Atletica Campi Bisenzio p. 493,5
  • La Galla Pontedera p. 485
  • Atletica Prato p. 432
  • Sestese Femminile p. 431,5
  • Atletica Grosseto p. 385,5
  • Rinascita Montevarchi p. 379
  • Toscana Atl. Empoli p. 338,5
  • Atletica Costa Etrusca p. 312,5
  • Atletica Calenzano p. 282,5

Articoli correlati