OTTO TITOLI PROVINCIALI A CECINA

Nella prima giornata dei Campionati Provinciali Giovanili disputati al Campo Mennea di Cecina sono stati assegnati ai colori bianco verdi otto medaglie d’oro. Manifestazione disputatasi in semi notturna, ha avuto una discreta affluenza anche se i campionati, inseriti dopo tanti anni di assenza nel calendario, risentivano già del periodo vacanziero. […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Nella prima giornata dei Campionati Provinciali Giovanili disputati al Campo Mennea di Cecina sono stati assegnati ai colori bianco verdi otto medaglie d’oro. Manifestazione disputatasi in semi notturna, ha avuto una discreta affluenza anche se i campionati, inseriti dopo tanti anni di assenza nel calendario, risentivano già del periodo vacanziero.
Il primo a conquistare la medaglia d’oro è stato uno sfortunato Elias Pera, che ha avvertito un problema muscolare poco prima dell’ultima barriera dei 300 ostacoli, l’ha superata da fermo e poi zoppicando è arrivato stoicamente al traguardo in 57”2. Più combattuta la gara femminile che sembrava in mano a Federica D’Agostino ma che finiva la benzina negli ultimi 40 metri e si faceva rimontare da una pimpante Francesca Spiller. Oro per Francesca con 53”5 e argento per Federica con 56”3.
Per un po’ la pista rimane senza protagonisti e l’attenzione del pubblico si concentra sulle due pedane dell’alto che, nell’anteprima della riunione, erano state dedicate alla memoria di Vittoriano Drovandi con una toccante cerimonia che ha visto al presenza anche della vedova sig.ra Luciana Cioni. Assoluta protagonista della gara femminile è stata la nostra Margherita Milani che festeggiava la notizia della convocazione per la finale nazionale del Trofeo Coni con una bella vittoria saltando al terzo tentativo m. 1,43. Sfiorava il podio con 1,34 Giorgia Liguori che non ha il fisico longilineo della saltatrice in alto ma ha bella forza esplosiva che potrà utilizzare bene anche in altre specialità. Tante le nostre ragazzine in pedana con Lucrezia Cioni (1,28), Teresa Mariani (1,28), Aurora Bardarè (1,25), Yoake Garzelli (1,25) e Alessandra Marasco (1,20).
Nell’adiacente pedana, riservata ai maschi, medaglia d’argento per Francesco Savi (1,28) e buone prestazioni anche da Giovanni Tascini (1,25) e Valerio Bortolotti (1,15).
Dal disco che, come spesso succede, è nel punto più lontano del campo e che diventa meno visibile al pubblico, arrivava la bella notizia che, finalmente, Alessandro Igor Gualtieri superava i 30 metri (30,88 per l’esattezza) e saliva sul più alto gradino del podio; ma anche il piccolo Leo Carcea era autore di una buona serie di lanci culminata con m. 24,06. Ben quattro le nostre rappresentanti nell’analoga gara femminile con una bella medaglia di bronzo per Matilde Trudu, rinfrancata dal suo miglior lancio di m. 24,44 dopo la debacle che aveva subito una settimana prima a Piombino. Positive anche Alessia Dentone (17,00), Bianca Magnani (15,96) e la neofita Frida Orlandi (11,28).
Si ritorna in pista con le gare di sprint che regalano nei 60 ragazze un secondo titolo a Margherita Milani. Non propriamente esplosiva in partenza si qualifica per la finale con 8”4, tempo che migliora a 8”3 nella finale per il titolo. In finale va anche Aurora Bardarè con 8”7 e in finale lima il tempo a 8”6 che le permette di salire sul terzo gradino del podio. Yoake Garzelli, 8”9 in batteria sarà quarta in finale con 8”7 mentre Giorgia Liguori, (9”1 in batteria) si spegnerà nella finale di consolazione con 9”3 che le varrà un sesto posto . Tante bianco verdi anche qui con Giulia Del Corona che ha fatto fermare i cronometri in batteria a 9”2, Alessandra Marasco a 9”3, Lucrezia Cioni a 9”5 e Eleonora Bastone a 9”7.
Solo due i maschietti nei 60 e il migliore sarà Giovanni Tascini con 8”8 in batteria che gli regalerà un posto in finale dove arriverà sesto con 8”9. Valerio Bortolotti si fermerà dopo le qualificazioni con un non eccezionale 10”0.
Cadetti e cadette si cimentavano nel frattempo nel salto triplo che, a livello maschile, vedevano Simone Rizzacasa progredire a m. 10,00 per un quinto posto finale mentre le medaglie di pregio arrivavano dalle femmine. Quattro bianco verdi tra le prime cinque con vittoria annunciata di Lara Biagi (11,38), bronzo per Beatrice Guarducci (9,96), quarta Alessia Dentone (9,65) e quinta la vincitrice degli ostacoli Francesca Spiller (9,43).
Senza por tempo in mezzo subito sui blocchi per disputare gli 80 che si svolgeranno in serie e non in batterie e finali come le gare ragazzi. L’unico maschio, Francesco Maresca sarà argento con 10”0 e tra le cadette si rivedrà una bellissima cavalcata per l’oro di Lara Biagi, tutt’altro che stanca e capace di un eccellente 10”0 e con Benedetta Quarratesi quarta in 10”7, Beatrice Guarducci che finisce in 11”3, Bianca Magnani in 11”5 come la compagna Martina Lemmi.
Con le ombre della sera già scese sul Mennea si svolgeranno le quattro gare di mezzofondo. Ci sarà anche qui un oro strappato con volontà nei 600, al termine di un testa a testa sul rettilineo finale da Nicola Baiocchi (1’31”2), mentre nei 1000 ragazzi il migliore sarà Gabriele Ceccarini, argento con 3’14”1 e Francesco Savi bronzo con 3’17”8.
Nei 1000 riservati alle ragazze buona quinta Teresa Mariani (3’42”8), un po’ in difficoltà Eleonora Bastone che termina in 4’20”2, mentre Giulia Del Corona, affaticata, si ferma all’ultimo giro.
Domenica 14 luglio al Martelli di Livorno la seconda giornata mentre la terza ed ultima sarà il 1 settembre a Piombino all’inizio della seconda parte della stagione in pista.

B.G.

Articoli correlati