NUOVO RECORD REGIONALE PER RACHELE MORI

Sembra quasi una strada in discesa quella che ha iniziato Rachele Mori nel suo primo anno di appartenenza alla categoria allieve, quella di portare sempre più lontano il record regionale di lancio del martello. La sua prestazione di m. 69,00, ottenuta in occasione di una manifestazione regionale master organizzata dall’Atletica […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Sembra quasi una strada in discesa quella che ha iniziato Rachele Mori nel suo primo anno di appartenenza alla categoria allieve, quella di portare sempre più lontano il record regionale di lancio del martello. La sua prestazione di m. 69,00, ottenuta in occasione di una manifestazione regionale master organizzata dall’Atletica Livorno, è stata apprezzata purtroppo da pochi ma appassionati intimi perché la pedana esterna ha il grande vantaggio di non essere pericolosa per lo svolgimento delle altre gare e di ridurre i tempi della manifestazione, ma toglie il grosso del pubblico che potrebbe incitare ancora di più gli atleti. In gara con la compagna Alessandra Lessi, Rachele era particolarmente carica, sentiva di poter fare la prestazione ma aveva difficoltà a rimanere in pedana. Dopo 2 nulli iniziali, un lancio buono a m. 66,14, poi un altro nullo ed infine la nuova miglior prestazione regionale di m. 69,00. Il record italiano è ora a poco più di un metro, non sarà per lei un ossessione ma dentro di sé un pensierino lo starà facendo. Buono anche il 51,53 della Lessi che è rientrata in pedana dopo tre mesi di assenza.
Pur essendo i migliori junior e under 23 a Rieti per i Campionati Italiani, alcuni nostri giovani hanno partecipato alle gare extra aggiunte al programma master. Gli 800 hanno visto ben 8 maglie bianco verdi in pista e Diego Vernaccini, il mezzofondista veloce più in forma del gruppo, ne ha approfittato per vincere ed abbassare il suo personale da 1’59”38 a 1’58”96. Gli hanno fatto da paggi Mattia Barlantini (2’00”18), Gabriele Spadoni che si era incaricato di lanciare la corsa (2’00”96), Giorgio Gori incappato in un altro errore di cronometraggio (questa volta rimediato con 2’03”79), Leonardo Becucci (2’07”22), Simone Esposito (2’07”44), Giacomo Balestri (PB 2’10”38) e Marco Pellegrini (PB 2’12”20).
Nei 1500 altri secondi mangiati al suo precedente record con 4’25”67 del neo allievo Marco Solfato, nei 400 una gara lineare di Sharon Guerrazzi chiusa in 1’00”57, una prestazione poco sotto il suo recente personale nel martello allievi di Simone Bientinesi (43,51) e un secondo record personale in 8 giorni da parte di una ritrovata Emma Porciatti (disco a m. 32,03 che cancella il suo 31,32 che risaliva addirittura al 2017.
Da non dimenticare che tra i master hanno gareggiato anche il giavellottista Lorenzo De Felice terzo con m. 36,26 e il 71enne Roberto Pascoli con 19”89 nei 100 e 43”06 nei 200.
Ma, dato che non vogliamo lasciare nulla, si è gareggiato anche a Campi Bisenzio nei Campionati Italiani Uisp. Vittoria nel lungo donne, dove si è applicato il regolamento di soli 4 salti, per Ilaria Cariello con 5,77 ma con un piccolo tifoncino (+3,3m/s) alle spalle. Vento purtroppo oltre i limiti anche se solo di 10 cm. per il primo 6 metri (6,02 per l’esattezza) di Riccardo Ciucci che però ha confermato i progressi anche con un 5,98 e un 5,93 nei giusti limiti. In difficoltà nella rincorsa Federico Biondi che dopo due salti poco sopra o addirittura sotto i 3 metri faceva l’unico buono a m. 5,04.
B.G.

Articoli correlati