MORELLI E CASELLA CAMPIONI TOSCANI DI CROSS

Si era già intuito nella quarta prova del Gran Prix di Cross, disputata una settimana fa al parco Fiorentino dell’Argingrosso, che Giulia Morelli stava riacquistando una buona condizione di forma dopo i guai di gennaio, e in occasione dei Campionati Toscani Individuali e di Società che si sono svolti nell’altro […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Si era già intuito nella quarta prova del Gran Prix di Cross, disputata una settimana fa al parco Fiorentino dell’Argingrosso, che Giulia Morelli stava riacquistando una buona condizione di forma dopo i guai di gennaio, e in occasione dei Campionati Toscani Individuali e di Società che si sono svolti nell’altro splendido percorso campestre di Serravalle a Empoli la mezzofondista di Paolo Angioni ha conquistato il titolo toscano 2019. Lasciate andare le due africane Kemboi e Munguleya schierate solo per portare punti ai CDS dell’Atl. Castello e del G.S. Lammari, Giulia si è limitata a controllare la sua avversaria Hodan Mohamed del G.S. Fiorino, vincitrice del Gran Prix proprio davanti alla nostra, e questa volta è riuscita a superarla. La buona prestazione la caricherà più che mai nei vicini Campionati Italiani di Venaria Reale dove Giulia tra le promesse potrà fare una gara importante. In ripresa anche Enrica Bottoni che, messi da parte i guai muscolari ha potuto riprendere ad allenarsi ed in soli 7 giorni ha fatto buoni passi in avanti con un 17esimo posto e l’Atletica Livorno la porterà in Piemonte per valutare ancora i suoi progressi.

Tante maglie bianco verdi e per la gran parte competitive tra gli allievi. Augusto Casella non aveva sbagliato una gara fino ad ora e in quella valida per il titolo ha ribadito di essere il più forte. Il ragazzo di Daniele Milani, baricentro basso e corporatura robusta, si trova a suo agio nel cross ed il titolo regionale è stato suo. Non è stato il solo protagonista nella categoria perché al quarto posto si è piazzato Gabriele Servolini, al quinto Luca Solfato (primo dei sedicenni) e al sesto posto un ritrovato Diego Vernaccini. Ovviamente il titolo di società degli allievi è andato all’Atletica Livorno che si è avvalsa anche delle buone prestazioni di Nicola Ruffini, ritornato alle gare dopo un anno di sosta e in crescita con il suo 12esimo posto e poi Giacomo Balestri (23esimo), Mattia Barlantini (27esimo) e Andrea Borgianni (32esimo). La forza del gruppo è notevole considerato che non sono stati schierati Giorgio Gori e Samuele Froglia in bacino di carenaggio.

 

Ci tenevano gli assoluti a conquistare quella settima posizione che avrebbe permesso di portare la squadra agli italiani, ma la buona volontà non è stata sufficiente e ne è venuto solo un nono posto di squadra non sufficiente. Il migliore è stato Daniele Conte, il molisano passato alle dipendenze di Milani arrivato 20°, poi la promessa Gabriele Spadoni (28°) e i master Mirko Dolci (32°), Federico Meini (36°) e Mariano Bardarè (38°). Un po’ più lontani Lorenzo Imparato (75°) e Alessio Ristori (81°) che dopo una prima parte della gara brillante ha finito la benzina ed ha continuato solo per onor di firma.
Dopo la gara di una settimana fa all’Argingrosso e anche quella precedente di Campi Bisenzio le aspettative dello junior Dario Guidi erano ben diverse. Per il titolo ci doveva essere anche lui, ma il ragazzo di Saverio Marconi si sentiva svuotato di energie già prima della partenza e i suoi 8 km. sono stati un calvario. Mai in gara e subito staccato da avversari da lui quasi sempre preceduti negli ultimi incontri. Solo sesto alla fine e ora sarà opportuno capire cosa è successo prima di affrontare un campionato italiano dove poteva essere tra i protagonisti. Tredicesimo l’altro junior, il simpatico e sempre presente Simone Esposito.

Nessuna junior schierata tra le femmine anche perché la Mahboub e la sua allenatrice sono arrivate sul campo a gara terminata e una sola allieva, Valentina Gussoni, arrivata diciannovesima. Un solo cadetto schierato, Andrea Neri, con il suo compagno di allenamenti Baiocchi abbattuto dalla febbre. Ci teneva ad arrivare tra i primi 10 per conquistarsi il posto per la rappresentativa toscana, ma ha fallito per una sola posizione, undicesimo, un peccato per lui.
Non c’erano speranze di qualificazione per le cadette ma anche qualche defezione di troppo ha reso opaca la prestazione della squadra. Migliore, diciannovesina, Sara Quercioli, 33esima Giulia Rossi, 39esima Giulia Ghiselli, 54esima Sofia Leoncini, 61esima Irene Ginevra e 83esima Linda Leoncini.

Più numerosi i ragazzi di Curzio e Federica che hanno visto le belle prestazioni di Francesco Savi e Gabriele Ceccarini, ragazzi adatti al mezzofondo ma non ancora specializzati arrivati rispettivamente 19° e 22° e poi Laerte Manteri (61°), Andrea Garofoli (63°), Gastone Corrias (77°), Flavio Sorbo (96°), Giovanni Tascini (99°) e Alberto Poli (116°).

 

Un nome nuovo, quello di Rebecca Zolo, che è stata capace di precedere per il 30° posto la più nota compagna Silvia Battiato. Dietro di loro a debita distanza Sofia Del Moro (44^), Sofia Giovannetti (85^), Aurora Bardarè (87^) , Sofia Mancuso (124^), Beatrice Berti (146^), Sofia Sarri (150^), Matilde Pietra Caprina (166^), mentre hanno alzato bandiera bianca Giulia Mannucci e Alice Giovannetti.

B.G.

Articoli correlati