MEZZOFONDO BIANCO VERDE PROTAGONISTA A FOSSONE

Sono gli scampoli di fine 2018 ma i risultati del Cross svoltosi a Fossone, sobborgo di Carrara, valgono per il Gran Prix di Cross 2019 e le giovani leve dei corridori di lunga lena hanno già messo il loro timbro di qualità. Giulia Morelli e Luca Lemmi hanno lottato per […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Sono gli scampoli di fine 2018 ma i risultati del Cross svoltosi a Fossone, sobborgo di Carrara, valgono per il Gran Prix di Cross 2019 e le giovani leve dei corridori di lunga lena hanno già messo il loro timbro di qualità. Giulia Morelli e Luca Lemmi hanno lottato per la vittoria e nelle categorie giovanili il successo è arriso nei ragazzi a Nicola Baiocchi e tra i cadetti a Giorgio Gori.
Partendo dai ragazzi si è visto che Nicola ci teneva a vincere,stando sempre nelle prime posizioni senza mai andare a condurre. Sembrava aspettare la volata finale, che spesso nella stagione gli era stata funesta, ma questa volta il 13enne allenato da un paio di mesi da Saverio Marconi non ha sbagliato lo sprint e si è imposto abbastanza agevolmente sul coetaneo lucchese Gabriele Chelini.
Tra i cadetti è stata una lotta in famiglia tra Giorgio Gori e il castelfranchese Luca Solfato che da gennaio saranno compagni di squadra tra gli allievi. Giorgio quando si sente bene non teme di menare la danza e il suo finish è sempre abbastanza bruciante.

Bella la gara femminile sui 3 km. con tre possibili protagoniste: Mohamed Mahamud, Linda Benigni e la nostra Giulia Morelli. Subito fuori gioco la 42enne fiorentina Mohamed Mahamud, vincitrice del Gran Prix di Cross 2018, la lotta si è fatta ristretta tra la piombinese in maglia Empoli Nissan e la nostra Giulia. Quindici giorni fa la Benigni aveva staccato di quasi un minuto la livornese a Osimo, ma la condizione della brava Giulia nel frattempo è molto cresciuta. Sentendosi abbastanza bene ha attaccato a 1 km dal traguardo riuscendo a staccare di una decina di metri l’avversaria. Non è stato sufficiente perché la Benigni sul rettilineo d’arrivo l’ha ripresa e dopo un testa a testa l’ha superata. Ovvio che la bianco verde non poteva essere contenta avendo assaporato, dopo mesi di stop, il ritorno alla vittoria, ma perdere così dopo le sofferenze subite in conseguenza dell’infortunio di maggio da la certezza di essere tornata una protagonista.

Gloria anche per le altre due under 23 Enrica Bottoni, ottava, e Diletta Signori, nona, che hanno avuto però il piacere di salire sul podio insieme a Giulia in un podio “promesse” tutto bianco verde. C’è stata gloria anche per l’allieva Elena Casolaro, 17esima ma salita sul podio come seconda allieva della giornata. Una lunga fila bianco verde poco dopo con la rientrante Soukaina Mahboub (20°), Virginia Rossi (21°), Licia Rugani (22°) e la ex marciatrice Matilde Minuti (23°) per arrivare a Veronica Cai (26°).

La gara maschile, che si disputava sui 5 km., aveva anche qui tre possibili protagonisti: il lucchese Del Nista, il versiliese dell’Alta Toscana Giovanni Boccoli e il fiorentino Emanuel Ghergut. Outsider Luca Lemmi, del quale non si conosceva a fondo la condizione fisica, dovendosi allenare per motivi di lavoro quasi sempre da solo. Partito abbastanza tranquillo è andato progressivamente a prendere i migliori e il suo secondo posto è stato un capolavoro tattico. Imprendibile Daniele Del Nista ha ottenuto il massimo possibile arrivando anche abbastanza vicino (8 secondi) e certificando che anche a 30 anni, dopo 22 spesi in pista, su strada e sui prati può essere ancora un protagonista. E’ piaciuto anche lo junior Dario Guidi, poco presente nel 2018 non per sua colpa. Il suo quinto posto assoluto e la vittoria della classifica junior lo certifica come atleta ritrovato. Gran volatone per il decimo posto tra tre maglie bianco verdi, l’ha spuntata Daniele Conte, che rimarrà in bianco verde anche per i prossimi due anni dovendo specializzarsi all’università di Pisa, su Alessio Ristori che ha dovuto rallentare la preparazione per problemi ad un ginocchio e il sempre positivo Gabriele Spadoni.

Diciassettesimo Manuel Lucioli che ha sempre navigato in solitaria, poi si è visto Augusto Casella 22esimo ma secondo degli allievi in gara, il master Mariano Bardarè (23esimo) che a sua volta ha preceduto un molto migliorato Gabriele Servolini (terzo tra gli allievi) e che ha tolto a Simone Esposito (25esimo) la gioia di salire sul terzo gradino del podio allievi. C’erano anche Lorenzo Imparato (28esimo), Fabio Mignani (39esimo), Dario Santambrogio (49esimo), Mattia Barlantini (51esimo) e Leonardo Caneve che ha terminato il suo anno di prestito ritirandosi e che tornerà all’Atletica Costa Etrusca.

Ritornando ai giovani si è fatto notare Andrea Neri, settimo e secondo di quelli che il prossimo anno saranno ancora cadetti, Giacomo Balestri, decimo, e un posto dietro Andrea Franchini. Tra le pochissime cadette in competizione, quarto posto per Valentina Gussoni. Nella gara vinta da Baiocchi c’erano anche il biondissimo Gabriele Ceccarini (decimo) e Flavio Sorbo (ventesimo). Tra le ragazze la migliore è stata Silvia Battiato (ottava) e poi Sofia Leoncini (12esima) Aurora Bardarè (15esima) e Linda Leoncini (17esima).

 

B.G.

Articoli correlati