I PROGRESSI DEI VELOCISTI E OSTACOLISTI

Non foltissima la rappresentanza bianco verde nella prima indoor fiorentina dedicata ai velocisti e ostacolisti sulla distanza più breve dei 50 metri, ma a distanza di un anno si notano quasi sempre dei  buoni progressi. Partendo dalla velocità maschile il migliore è stato il neo allievo Matteo Ciulli, proveniente dal […]
Tags: , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Non foltissima la rappresentanza bianco verde nella prima indoor fiorentina dedicata ai velocisti e ostacolisti sulla distanza più breve dei 50 metri, ma a distanza di un anno si notano quasi sempre dei  buoni progressi. Partendo dalla velocità maschile il migliore è stato il neo allievo Matteo Ciulli, proveniente dal GP Arcobaleno e allenato dalla coppia Pistoia –Pucini per evitargli troppi spostamenti da Collesalvetti a Livorno. Ha vinto la sua serie con 6”39 partendo non certo da sprinter ma finendo in forte recupero e conquistando la finale.

 

 

Molto meglio il suo avvio in finale ma si è poi spento con un sempre discreto 6”44. C’era poi Luca Poggianti, molto brillante in allenamento e ben progredito dal 6”55 del 2017 all’attuale 6”44 ma Luca potrebbe essere tra le sorprese del 2018 su distanze maggiori. Il 25enne Alessandro Bacci, tra un impegno come trainer e uno per completare la tesi di laurea, ha ancora voglia di correre, ma i 50 gli stanno molto stretti e si deve accontentare di 6”62. L’ex cadetto Jonathan Marcuccio si esibisce in calzamaglia, in 6”95 all’esordio, ma il fiato lo conserva per tenere alto il morale del gruppo con le sue facezie.

 

Poche le femmine, ma tutte in buon progresso. La migliore è stata Ilaria Germani che corre raramente ma sempre con criterio. Personal best sulla distanza con 6”94, dal suo precedente 6”97, ma poi in finale la benzina era finita (6”99). Margherita Del Corona fa un sonnellino in partenza e nonostante questo fa il personale di 7”28 (aveva 7”34). La stakanovista Dalia Carcea, impegnata ben 2 volte negli ostacoli, corre i piani a tempo di record portato da 7”55 a 7”33 (bel progresso) e Matilde Baldanzi non è da meno scendendo a 7”82 da 8”03. Chiude il gruppo Michela Cicinelli, anche lei proveniente dal G.P. Arcobaleno e allenata dalla madre Daniela Pistoia e dall’ex allenatore della madre Giuseppe Pucini, con un bell’esordio in 7”72 pur provenendo da una lunghissima sosta per infortunio.

 

Sugli ostacoli non è sembrato molto in palla lo junior Fabio Denza, allenato da Mauro Telleschi, che ha corso due volte la distanza in 7”51 e 7”56 abbastanza lontano dal suo PB di 7”40. Tra le allieve bella batteria di Dalia Carcea chiusa con il secondo PB della giornata (8”63 dall’8”82 che aveva) ma in finale le gambe non rispondevano più e finiva sulle ginocchia in 9”00.

 

 

Articoli correlati