GRANDE BOCCIA AD ANCONA

I sacrifici pagano sempre. Francesca Boccia e il suo tecnico Giacomo Giusti settimanalmente per tutto l’inverno non potendo allenarsi seriamente al Campo Scuola di Livorno per il freddo e le intemperie si sono sottoposti a pomeriggi passati nell’impianto coperto dell’Asics Firenze Marathon e non hanno saltato una delle gare organizzate […]
Tags: ,
Print Friendly, PDF & Email

I sacrifici pagano sempre. Francesca Boccia e il suo tecnico Giacomo Giusti settimanalmente per tutto l’inverno non potendo allenarsi seriamente al Campo Scuola di Livorno per il freddo e le intemperie si sono sottoposti a pomeriggi passati nell’impianto coperto dell’Asics Firenze Marathon e non hanno saltato una delle gare organizzate dal CRT sullo stesso impianto. Non si sono abbattuti per i risultati che sembravano non arrivare, poi…

Domenica 18 febbraio al Pala Marche di Ancona Francesca faceva il suo capolavoro. Entrava con enorme rischio a 3,80 che era la migliore misura saltata quest’inverno, poi faceva 3,90 alla seconda prova e, finalmente, quel salto di 4,00 metri che inseguiva da tempo. La misura fatta alla prima prova le permetteva di conquistare il terzo posto e di salire sul podio di un campionato italiano assoluto.

Lacrime di gioia per un’atleta che da un decennio è sempre stata tra le prime italiane della specialità ma non aveva mai avuto la gioia di una medaglia importante. Brava Francesca e bravo Giacomo.

Questa è la ciliegina sulla torta di un campionato che ha dato tante soddisfazioni ai colori bianco verdi. Nella classifica del campionato di società che raccoglie i risultati di tutte le categorie vede l’Atletica Livorno come 11esima tra i maschi e 22esima tra le femmine, in un certo senso le posizioni che rispecchiano i valori del progetto “Qualità – continuità”.

Articoli correlati