ALLIEVE COMPETITIVE AD AREZZO

Veramente bella la prestazione delle nostre allieve nella prima fase regionale del CDS disputato ad Arezzo. Tante vittorie, tanti primati personali delle ragazze che da anni vincono la Coppa Toscana. Nulla possono contro la Firenze Marathon e la Toscana Atletica Empoli che utilizzano un bacino d’utenza e ramificazioni superiori alla […]
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Print Friendly, PDF & Email

Veramente bella la prestazione delle nostre allieve nella prima fase regionale del CDS disputato ad Arezzo. Tante vittorie, tanti primati personali delle ragazze che da anni vincono la Coppa Toscana. Nulla possono contro la Firenze Marathon e la Toscana Atletica Empoli che utilizzano un bacino d’utenza e ramificazioni superiori alla nostra ma la qualificazione per la finale di settembre è già da considerare acquisita e la squadra farà una buona figura essendo praticamente priva di punti deboli.

 

Tante le sprinters messe in campo e partendo dai 100 si nota la buona predisposizione di Margherita Del Corona che, con il suo 13”16, avrebbe fatto il suo PB se il vento alle spalle non fosse stato eccessivo, cosa che è riuscita a Alessia Magrini con il suo 14”05, mentre Matilde Baldanzi interrompeva la sua crescita con un modesto 14”90. Nei 200 scende uno dei pezzi grossi della squadra: Chanda Bottino. Sorteggiata in corsia esterna si mette in moto solo sul rettilineo e stampa un ottimo 25”67 che le vale un argento sul podio. Con lei Margherita Del Corona che agguanta il PB con 27”47. Poco dietro Alessia Milani (27”83), Alessia Magrini (29”02) che sarebbe stato PB se il vento avesse soffiato più piano, Michela Cicinelli (29”45) e Kumari Stekli (34”70). Il botto di Chanda Bottino era atteso dopo la prestazione di una settimana prima nei 400 a Campi Bisenzio e l’atleta di Giuseppe Pucini non ha deluso correndo i 400 a tempo di primato: 57”81. Non ha pienamente ancora la coscienza del ritmo, ma se ottiene una corsia interna si regola meglio ed esplode in un bel finale. In risalita Alessia Milani (1’03”66) e Michela Cicinelli (PB con 1’08”84).

Con questo campo di esemplari si è potuto mettere in pista delle staffette ben competitive. Seconda la 4×100 in 49”46 con il quartetto composto da Raiola, Morreale, Del Corona e Bottino e terzo posto per la 4×400 che ha schierato Milani, Lelli, Cicinelli e Morreale con un bel e combattuto 4’25”65.
Nel mezzofondo c’é stata la piacevole sorpresa di Virginia Rossi, ex CGC Viareggio allenata da Francesco Mottola, già battagliera a Campi e sbocciata ad Arezzo negli 800 con un più che discreto 2’27”12 che le è valso il secondo gradino del podio. Con lei Martina Lelli, senza più problemi muscolari ed approdata a 2’38”48 (PB). I 1500 sono stati coperti da Elena Casolaro in 5’43”23 e i 3000 da Soukaina Mahboub premiata nel Gran Prix di Cross invernale ma ancora lontana da una forma accettabile per la pista (12’16”19).

 

Assente per infortunio extra sportivo la Giovannini, é stata Dalia Carcea a tenere alto il prestigio del gruppo. Sarebbe stato PB nei 100 hs. il suo 16”25 se il vento non fosse stato eccessivo e c’é da notare che sia lei che la Ludovica Raiola (16”96) hanno dovuto ripetere la gara per gli ormai cronici problemi di cronometraggio. OK l’esordio nei 400 con barriere di Greta Morreale che sale sul podio in 1’07”43 che costituisce anche il minimo per la partecipazione agli italiani allieve segno della bontà e versatilità dell’atleta colligiana. Sfortunata Dalia Carcea che, avviata a una buona prova, cadeva sul nono ostacolo per fortuna senza gravi conseguenze. In gara extra riservata a Junior e promesse ha corso in 1’09”42 Margherita Guarducci, la quale ha tolto ben due secondi al suo precedente limite di 1’11”63”.

I salti sono un buon settore a livello allieve e lo dimostra nell’alto Roçio Alejandra Gigena, bronzo con 1,57, nell’asta Emma Nosiglia Martinez quarta con il nuovo personale di m. 2,70, l’argento di Giorgia Cerretini nel triplo con 11,28 e ben tre su quattro atlete schierate in finale nel lungo. In questa gara è quinta Giorgia Cerretini con 5,17, sesta Valentina Arcamoni con 5,13 e ottava Emma Nosiglia Martinez con 4,88 personal best in una giornata per lei memorabile. Un po’ più indietro Ludovica Raiola che non azzecca una rincorsa e termina con 4,29.

Due sole le lanciatrici ma di elevatissimo livello. Dopo essere uscita in lacrime dal martello per tre lanci nulli in qualificazione, la solvayna Alessandra

Lessi ha fatto salti di gioia nel getto del peso vinto con il primato personale di 12,19. Riservata al giavellotto (è anche un eccellente discobola ma ha avuto qualche problema muscolare alla spalla di lancio) Emma Porciatti non ha deluso e ha vinto a suon di primato con 37,33 che è misura, per una sedicenne, molto interessante.
Nella marcia 5 km. ha esordito Matilde Minuti, con il freno un po’ tirato per i due cartellini rossi, ma ha terminato in 29’37”68 che la pone tra le dieci migliori marciatrici bianco verdi di sempre sulla distanza.

B.G.

Classifica di Società Allieve

Atletica Firenze Marathon p. 14.121
Toscana Atl. Empoli Nissan p. 13.315
Atletica Livorno p. 12.691
Atl. Virtus CR Lucca p. 11.943
Pol. Rinascita Montevarchi p. 8.572

Articoli correlati